LE INVASIONI DEL IX - X SECOLO

Insieme alla DISSOLUZIONE DEL REGNO CAROLINGIO, i seguenti MOVIMENTI MIGRATORI conversero verso il centro dell’Europa, quasi simultaneamente:

  • Da est → UNGARI
  • Da nord → VICHINGHI
  • Da sud →  SARACENI

NORMANNI = uomini del Nord.

  • Provengono da svariate parti della penisola scandinava o dalla Danimarca.
  • Drakkar = imbarcazioni tipiche, anfidrome, agili e veloci, fatte apposta per razziare.
  • Bersaglio delle loro incursioni sono soprattutto le coste del Nord Europa (Groenlandia, Islanda, Irlanda, Russia e Francia).
  • Razziano, obbligano gli abitanti a consegnare oro e argento e se ne vanno.
  • Con l’andare del tempo iniziano a stanziarsi. Nascono le prime dinastie normanne e, poi, i regni Normanni.

DINASTIE E REGNI NORMANNI:

  • DANESI: Occupano il basso corso della Senna, la NORMANDIA, “terra dei Normanni”. Da lì occupano parte dell’INGHILTERRA.
  • NORVEGESI: Si dirigono verso ISLANDA, la GROENLANDIA e forse il LABRADOR (forse i primi ad andare in America).
  • SVEDESI: verso le grandi pianure della RUSSIA. Fondano i PRINCIPATI di NOVGOROD e KIEV. “Russo” deriva dal finnico ruots (= “coloro che remano”), perché capaci di risalire al contrario il corso di alcuni fiumi, tramite i quali arrivano nel cuore della Russia. Nell’988 il Principe di Kiev, Vladimir, si converte al cristianesimo ortodosso, dopo aver sposato una principessa bizantina.
 

ITALIA MERIDIONALE: 

I Normanni si stabiliscono qui nel X – XI secolo

Dopo un processo di secoli, Roberto il Guiscardo (“astuto”) riesce ad unificare l’Italia meridionale peninsulare, ancora contesa tra vari duchi romani, longobardi e bizantini (1059)

Con Ruggero I e Ruggero II, al regno normanno d’Italia viene annessa anche la Sicilia (1130). Il regno fiorisce notevolmente, in campo economico (agricoltura e commerci), culturale (scuola medica di Salerno) e artistico (duomo di Cefalù e Monreale, palazzo di Palermo). 

I Normanni all’inizio sono in buoni rapporti con gli arabi, ancora stanziati in Sicilia.

 

 

Gruppo di arabi stanziati in SICILIA, sulle coste dell’AFRICA SETTENTRIONALE e in SPAGNA, si specializzano nelle scorrerie e nelle razzie (corsari).

Sono una tribù semita originaria del Sinai.

Hanno alcune basi sulle coste, specialmente in SARDEGNA e CORSICA, da cui partono per andare a fare le razzie e a cui tornano. 

Imperversavano specialmente nelle coste del Tirreno.

Tribù di origine turca, di lingua affine a quella dei finnici (ancora adesso la lingua degli ungheresi è profondamente diversa dalle altre lingue europee, perché appartiene ad un ceppo linguistico diverso, l’ugro-finnico). Sono imparentati con le popolazioni mongole (orientali, asiatiche).

Fanno scorribande verso l’ITALIA SETTENTRIONALE, GERMANIA, FIANDRE e BORGOGNA.

Tra 898 e 955 saccheggiano numerose città tra cui Pavia, Bergamo, Brescia, Ratisbona, Augusta, Basilea.

Reazione e conseguenze:

Le coste, particolarmente soggette alle invasioni, si spopolano. 

La popolazione si stabilisce in luoghi dell’entroterra ed elevati, difficilmente raggiungibili dai saccheggiatori.

INCASTELLAMENTO: la popolazione converge verso luoghi elevati e fortificati per fronteggiare le invasioni. Nascono i primi castelli.